Riserva Naturale Valle Cavanata


Vai ai contenuti

Workshop di fotografia naturalistica con Luciano Gaudenzio

Fotografia

WORKSHOP DI FOTOGRAFIA NATURALISTICA DI LUCIANO GAUDENZIO

Si è svolto nella giornata di domenica 17 maggio il Workshop di fotografia naturalistica tenuto presso la Riserva Naturale Valle Cavanata da Luciano Gaudenzio. Oltre al vincitore del concorso fotografico Massimo Grion ( vedi foto), vi hanno partecipato altri nove fotografi, accompagnati dalla nostra guida Francesca Skodler. La giornata è stata molto piacevole (anche dal punto di vista meteorologico) ed è cominciata con l'escursione mattutina in bicicletta verso la spiaggia protetta della Riserva, con varie tappe fotografiche lungo il percorso sul canale Averto. In particolare, l'esperto si è soffermato presso un bel cespuglio di rosa canina in prossimità di un'ansa sul canale, per mostrare come si fotografa un paesaggio. Ciò che è piaciuto ed è stato molto apprezzato, è che il nostro fotografo abbia messo fin da subito a disposizione di tutti i suoi preziosi strumenti e apparecchiature. Poi la pedalata è proseguita fino al mare e, passeggiando sulla spiaggia, i fotografi hanno potuto sbizzarrirsi con gli scatti macro di vari organismi lì presenti.
Il pranzo, tenutosi all'aperto presso il centro visite, è stato preparato dell'agriturismo Val Cavanata. Ai presenti è stata fatta trovare puntuale una bella tavola imbandita di prelibatezze autoctone.
Nel pomeriggio, parcheggiate le biciclette, l'attività è proseguita presso la struttura di Casa Spina, dove il nostro professionista ha lasciato qualche partecipante a bocca aperta, proiettando una carrellata di sue magnifiche ed emozionanti immagini su vari ambienti della nostra regione. Ogni foto era accompagnata da esaurienti spiegazioni sulle tecniche usate per lo scatto e sul luogo, animale o vegetale ritratto. Poi si è passati a qualche spiegazione sull'utilizzo di programmi per modificare immagini come Photoshop. A quel punto la luce solare del tardo pomeriggio, maggiormente propizia alla fotografia, ha richiamato gli appassionati all'esterno per proseguire con gli scatti. Quindi ci si è diretti brevemente verso l'adiacente schermatura sulla valle da pesca, per poi proseguire verso un'altra zona molto affascinante e ricca di spunti fotografici: il Caneo, col suo magnifico canneto (da cui il termine). Qui gli ultimi partecipanti rimasti hanno atteso le ore finali del giorno per qualche ulteriore immagine. Gli irriducibili avrebbero continuato ancora, se non fossero stati scalzati da nugoli di assetate zanzare!
La Riserva ringrazia Luciano Gaudenzio e tutti i partecipanti per la bellissima giornata.
Francesca Skodler e Diego Manna.


Argomenti trattati durante il workshop

Il workshop è stato rivolto sia ai fotografi con attrezzatura analogica che digitale. Lo scopo del corso è stato quello di aiutare i partecipanti a trovare una propria visione interpretativa nella fotografia di paesaggio e in generale della Natura, concentrandosi maggiormente sulla composizione e sullo studio della luce, non tralasciando però le tecniche di base per poter ottenere il meglio dalla propria macchina fotografica, ed in particolare:
L’esposizione e la messa fuoco: come ottenere il meglio dalla propria macchina fotografica, fino all’utilizzo “creativo” dell’accoppiata tempi e diaframmi (e nelle reflex digitali degli ISO).
L’utilizzo dei filtri nella fotografia di paesaggio: dal polarizzatore ai filtri degradanti neutri di diverse gradazioni.
L’utilizzo dell’obiettivo “giusto” a seconda del tipo di immagine che si vuole ottenere: dal grandangolo al tele nella fotografia di paesaggio.
La fotografia macro e di “composizione”.

Durante la giornata, nella spazi del laboratorio didattico “Casa Spina” situato nel cuore della Riserva, si è avuta la possibilità di rivedere le foto scattate sul campo, individuandone pregi e difetti.

Altri argomenti di discussione durante il workshop sono stati:
L’elaborazione dei file digitali: dal file “grezzo” alla stampa.
L’archiviazione delle immagini.
Le nuove tecniche digitali a disposizione del fotografo con un particolare riferimento alle diverse tecniche HDR (dal ripresa sul campo alla camera oscura digitale). Le immagini saranno proiettate attraverso un proiettore digitale professionale Hiunday servendosi di un computer portatile.


Equipaggiamento consigliato e altre informazioni
Con una macchina fotografica reflex, digitale o analogica, e uno zoom “tutto-fare”, ad esempio un 18-70, si riescono già ad ottenere ottime immagini. Volendo ottenere qualcosa in più, molto utili sono un medio tele, ad esempio un 70-200 ed eventualmente un obiettivo macro per le immagini a distanza ravvicinata di particolari dei prati e del bosco.
Consigliabili sia il treppiede che il cavetto di scatto flessibile e un filtro polarizzatore.
Per raggiungere i diversi ambienti della Valle Cavanata dove scegliere i posti di ripresa, si sono utilizzate le
biciclette in dotazione alla Riserva.

Luciano Gaudenzio

Luciano Gaudenzio nasce a Pordenone nel 1969, laureato in Economia Aziendale, lavora come fotografo professionista freelance.
Le sue immagini sono apparse sulle copertine e negli articoli di riviste nazionali ed estere come
La Stampa, Specchio, Gardenia, Dove, Meridiani, Meridiani Montagne, Terra, Itinerari e Luoghi, FotoCult, Onde in Movimento, Oasis, Tutti Fotografi, Asferico, V&S, Tu, Panorama Travel, Donna Moderna, Naturbilder, Conde Nast Traveller, Gruner + Jahr (Focus) e altri.
Collabora con Enti pubblici Regionali e Nazionali e tra il 2000 e il 2007 ha contribuito alla realizzazione dei seguenti libri fotografici: "
Magredi, un territorio da conoscere" (2000, Edizioni Biblioteca dell'Immagine -WWF), "Dove l'aria sale" (2002, Edizioni Risma), "Il Tagliamento" (2006, Edizioni Cierre), collana "Le Montagne più belle" (2006, Edizioni Melograno) e "Luci e silenzi nel Parco delle Prealpi Giulie" (2007, Edizioni Risma).
Nel 2008 ha realizzato il primo libro personale, "
Friuli, Emozioni Naturali" (2008, Edizioni Risma) catalogo fotografico della mostra realizzata nel Centro Regionale di Doberdò del Lago (GO).
Collabora per la pubblicazioni di calendari e volumi fotografici con alcune case editrici tra cui
Whitestar-National Geographic Edizioni, Cierre Edizioni, Touring Club Edizioni, Risma Edizioni, Athesia Edizioni.
Le sue immagini hanno conseguito importanti premi e segnalazioni, come nei concorsi fotografici internazionali
Glanzlichter 2009 (primo premio categoria Paesaggio) e 2006, Asferico 2007 (primo premio categoria "Parchi Nazionali"), oltre ad aver raggiunto la finale in molte edizioni del più importante Concorso Internazionale di Fotografia Naturalistica, il "Wildlife Photographer of the Year".
Nel 2006 e 2008 con la
Nazionale Italiana di Fotografia Naturalistica (15 autori scelti tra i migliori fotografi italiani) ha conseguito il prestigioso premio di "Campione Mondiale di Fotografia Naturalistica".
Nella sua attività rientrano infine gli Workshop, corsi pratici di fotografia, realizzati nei luoghi naturali più suggestivi d'Italia (Parco Nazionale dei M.ti Sibillini, Parco Prealpi Giulie, Carso e altri)
"Il mio lavoro è quello di osservare la luce e tutti i suoi cambiamenti: il migliore approccio alla fotografia è di considerarci, in ogni momento, instancabili studenti della Luce..."
Sono parole del fotografo americano William Neill. E con queste parole Luciano Gaudenzio accoglie il visitatore del suo sito web (www.naturalight.it), dove la luce è protagonista indiscussa delle immagini.
Luciano ama la fotografia di montagna in tutti i suoi molteplici aspetti, dalla flora alla fauna al paesaggio e dedica particolare attenzione alla sua regione, il Friuli Venezia Giulia, cercando di farla conoscere e valorizzare attraverso le sue immagini.

In preparazione

2009-2010
Coautore, insieme ad altri due fotografi, del prestigioso volume monografico "
Asiago" dedicato al territori del famoso altopiano veneto.

2010 || Marzo- Aprile
Libro e mostra fotografica itinerante sulla principale regione montuosa del F.V.G., la Carnia.
Il progetto realizzato insieme ad altri due fotografi friulani, Gabriele Bano e Paolo da Pozzo, porterà la mostra nelle principali città e località turistiche della Regione e non, mentre il libro sarà distribuito in Italia e all'estero.

Notizie sulla sua attività e gli ultimi progetti nel suo sito: http://www.naturalight.it



Torna ai contenuti | Torna al menu