Riserva Naturale Valle Cavanata


Vai ai contenuti

Iniziative Oceaniche 2012

Attività

Iniziative Oceaniche 2012


Iniziative Oceaniche
è un evento organizzato da Surfrider Foundation Europa per dar vita contemporaneamente in tutto il mondo ad operazioni di sensibilizzazione per la riduzione dei rifiuti attraverso un'azione concreta di pulizia.
Un sito apposito, consente di conoscere le varie operazioni registrate e geolocalizzate per questa sedicesima edizione.
Quest’anno l’obiettivo è la plastica che rappresenta dal 60 al 90% dei rifiuti (fonti: Iniziative Oceaniche e rapporto dell’UNEP 2011).
Le Iniziative Oceaniche si integrano alla campagna Rise Above Plastics (RAP –
Riduciamo la nostra impronta di plastica!)lanciata da Surfrider U.S.A. e impiegata dal resto della rete mondiale. RAP mostra quali sono le conseguenze nelle nostre coste dell’utilizzo indiscriminato della platisca , se non interveniamo rapidamente.

L’obiettivo della campagna Rise Above Plastics è di ridurre l’impatto della plasticasull’ambiente marino sensibilizzando sui pericoli dell’inquinamento plastico. Soluzione, la regola delle 4 R: rifiutiamo, riduciamo, riutilizziamo e ricicliamo.
Surfrider Foundation Europeattraverso queste operazioni a sensibilizzare ea mobilizzare i cittadini e i poteri pubblici al fine di lottare contro i rifiuti acquatici.

Il problema dei macrorifiuti è sempre più di stretta attualità e viene quasi sempre trattato come una emergenza legata allo smaltimento. Una emergenza che invece non viene quasi mai alla luce è quella della quantità di rifiuti di varia tipologia che vengono gettati in mare o che in qualche modo raggiungono le nostre coste per poi rimanere abbandonati sulle spiagge che diventano quasi delle discariche a cielo aperto.



La pulizia delle spiagge e lo smaltimento dei rifiuti così raccolti sono a carico degli enti competenti e non risolvono il problema che è invece culturale e legato a comportamenti corretti. L'azione delle onde e delle correnti fa depositare sul bagnasciuga oggetti di plastica, contenitori, bottiglie e a volte pezzi di polistirolo e oggetti di metallo. L'origine di questi rifiuti non è necessariamente locale, ma, vista la conformazione del Golfo di Trieste, non è da escludere che essi derivino da cattive abitudini e comportamenti delle comunità costiere che si affacciano sul Nord Adriatico e arrivino sulle nostre spiagge trasportati dal mare.
La Riserva Naturale della Valle Cavanata è da anni impegnata nella conduzione di attività di educazione oltre che di monitoraggio e ricerca scientifica applicata al mare. Uno degli argomenti maggiormente sentiti dai fruitori della Riserva è stato proprio quello dei rifiuti che, lasciati in ambiente a seguito di comportamenti poco rispettosi, ne rovinano la bellezza riducendone la fruibilità.

In occasione delle Iniziative Oceaniche 2012, la RNR della Valle Cavanata ha organizzato un'uscita il 25 marzo con i ragazzi del Collegio del Mondo Unito di Duino, con escursione negli ambienti della Riserva ed infine trasferimento nella spiaggetta dove è stata effettuata la pulizia della stessa dai rifiuti spiaggiati.
L'obiettivo finale è quello di sensibilizzare la popolazione, partendo da quella in età scolare fino agli adulti che frequentano la RNR della Valle Cavanata e gli arenili nei suoi pressi, al problema dei macrorifiuti rilasciati in ambiente marino-costiero.


Torna ai contenuti | Torna al menu